top of page

DOCUMENTI e LETTERE

UN URGENTE APPELLO PER LA RILASCIO DI RIFUGIATI E RICHIEDENTI ASILO ATTUALMENTE DETENUTI IN ALMABANI E IN ALTRI CENTRI DI DETENZIONE DOPO UN'INGIUSTA RESISTENZA ALLE LORO CASE.
 

Cari lettori,
 

Siamo un gruppo di rifugiati e attivisti del Sud e del Nord Sudan. Stiamo scrivendo questa lettera per sollevare le nostre preoccupazioni e le preoccupazioni che abbiamo per i nostri fratelli, sorelle, mariti, mogli e bambini che sono attualmente detenuti nei centri di detenzione nonostante siano persone preoccupanti per l'ufficio dell'UNHCR Libia.

Continuiamo a chiedere alle autorità competenti della Libia e all'organizzazione delle Nazioni Unite di rilasciarli immediatamente e di non deportarli in paesi in cui le loro vite sono minacciate.
 

Vorremmo anche portare alla vostra attenzione che siamo rifugiati e non criminali come descritto dai media, che i rifugiati stanno commettendo crimini o coinvolti in altre attività illegali, essere un rifugiato non è un crimine e non dovrebbe esserlo in Libia . Comprendiamo che questa repressione è stata attuata sulla base dei rapporti non verificati che  Gargaresh è la patria della droga e della prostituzione, ma ciò non significa che le donne incinte e i bambini siano criminali.
 

Le autorità devono anche ammettere che essere un rifugiato è solo uno status temporaneo non una nazionalità, nessuno sceglie di essere un rifugiato. La maggior parte di queste persone è stata costretta a lasciare le proprie case da circostanze al di fuori del controllo umano.

Chiediamo inoltre all'UE, che ha finanziato massicciamente le guardie costiere libiche, di adeguare le leggi che regolano questi fondi, nel rispetto dei diritti umani.

L'UE ha l'obbligo legale di garantire che le sue azioni non violino i diritti umani.

Le sistematiche violazioni dei diritti umani nei centri di detenzione sono ben note agli Stati membri e alle istituzioni dell'UE quando progettano la cooperazione con la Libia.
 

L'UE attraverso la porta di servizio sta finanziando ed equipaggiando le milizie e le guardie costiere.

Per molti anni, l'UE e alcuni Stati membri hanno investito milioni di euro in programmi per rafforzare la capacità della Guardia costiera libica di intercettare le barche in partenza dalla Libia, pienamente consapevoli che tutti vengono poi automaticamente detenuti in una detenzione arbitraria a tempo indeterminato senza controllo giudiziario.

Chiediamo inoltre al governo libico di rispettare e seguire le regole e gli accordi che garantiscono l'esistenza dell'UNHCR in Libia come organizzazione.
 

Perché abbiamo e stiamo sperimentando così tanta mancanza di rispetto per i documenti forniti ai rifugiati e ai richiedenti asilo in Libia, in cui si afferma che sono persone preoccupanti per la sua commissione e quindi dovrebbero essere protetti, e in nessuna circostanza deve essere forzato tornato in un paese in cui la sua vita è minacciata.

Ma in realtà, stiamo vedendo l'opposto di ciò che afferma nel documento dato, un rifugiato non può usare il documento per spostarsi da uno stato all'altro all'interno della Libia, senza detenzione forzata, rapina, tortura e lavoro forzato.

Chiediamo inoltre a paesi come l'Australia, l'Asia, gli Stati Uniti, il Canada e gli stati europei di offrire più stanze per il reinsediamento, il ricongiungimento familiare, le cure mediche, le opportunità di lavoro e le borse di studio ai rifugiati che sono attualmente bloccati in Libia.
 

Infine, ma non meno importante, chiediamo al ministero dell'Interno di consentire ai voli umanitari di evacuare i rifugiati, ai voli di ritorno umanitario volontario per riprendere automaticamente i loro compiti nel portare i rifugiati fuori dal paese.

Invitiamo infine il governo e le autorità libiche a dare un decreto a tutti i posti di blocco, i luoghi di lavoro, le scuole per consentire un passaggio sicuro a chiunque sia in possesso del documento di rifugiato/richiedente asilo che gli viene fornito dall'UNHCR in Libia.


 

Tutti i diritti riservati ©Rifugiati in Libia 2021

bottom of page